Hotel Riccione

Tempio Malatestiano Rimini

Chiese e Conventi - - RN

Il Tempio Malatestiano di Rimini è considerata una delle opere più sacre e onorate del Rinascimento. In realtà i lavori per la costruzione di questo monumento stupefacente erano basati sulla struttura precedente del 14 ° secolo la chiesa romanico-gotica di San Francesco. Sigismondo Pandolfo Malatesta ha iniziato i lavori nel 1449: la parte architettonica è stata affidata a Matteo de 'Pasti, la scultura è stata affidata invece ad Agostino di Duccio e l'architettura esterna è stata opera di Leon Battistia Alberti.

L'architetto ha progettato un nuovo concetto di ricopertura in marmo, sbarazzandosi di tutto il design gotico ma lasciandolo all'interno, e attingendo ispirazione dall'Arco d'Augusto. La maestosa facciata si ispira alle classiche forme rinascimentali, anche se rimane incompiuta nella parte superiore, si distingue dall'interno, creando così un contrasto architettonico.
Una delle sue sei cappelle all'interno, la Cappella degli Antenati ospitava l'Arca degli Antenati dei Discendenti: opera di Agostino di Duccio in cui Sigismondo voleva riunire i suoi antenati e gli antichi predecessori della sua Casata. Il Crocifisso di Giotto del 1312 è nel Tempio stesso e nella Cappella delle Reliquie si può ammirare l'affresco di Piero della Francesca (1451) di Sigismondo in ginocchio davanti a San Sigismondo.

Il Tempio Malatestiano è una delle strutture più belle di Rimini e uno dei migliori esempi di architettura rinascimentale.
E 'stata una chiesa francescana fino a quando non è stato completamente rifatto nel 1450. Il lavoro di riprogettazione è stato organizzato da Sigismondo Malatesta (il signore di Rimini), e ha scelto un architetto famoso di Firenze, Leon Battista Alberti, invitato a prendersi cura degli esterni.
E 'notevole anche all'interno! Le opere davvero uniche da ammirare sono il Crocifisso di Giotto, gli affreschi di Piero della Francesca, e i rilievi di Agostino di Duccio. Il tempio fu restaurato ancora una volta, dopo aver subito gravi danni nei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

Foto by http://www.flickr.com/photos/geosearch-italia/



Per informazioni